Il maltempo imperversa sulla Penisola e le occasioni per godere di una buona lettura aumentano con il profilarsi della stagione autunnale.

Quale momento migliore quindi per consigliare a tutti gli amanti della lettura, un romanzo che ci ha accattivati fin da subito e che ci ha convinti a consigliarlo: “Via dell’Arcobaleno 67 – Interno 7” di Paola Fratnik.

Via dell’Arcobaleno 67 – Interno 7

Paola Fratnik

paola fratnik arcobaleno

 

Questo è il primo romanzo di una serie che avrà luogo in un meraviglioso palazzo borghese della Roma agiata, lussuosa e lussuriosa. In questo condominio, sito appunto in Via dell’Arcobaleno 67, vivono diversi coinquilini, ognuno di loro con storie e vicissitudini differenti, trascorsi che ne segnano la loro socialità e la loro introversione. Vite diverse, intrecciate in una riservatezza che svanisce, una volta dentro le mura “amiche” della propria abitazione, per far spazio ai demoni interiori e alle angosce che ognuno di loro porta con sé.

Il primo romanzo della serie parlerà dell’inquilino dell’Interno 7, un uomo aitante, curato nei minimi dettagli, vive nel suo appartamento in un lusso surreale. Dal carattere duro e cinico, egli intreccerà la sua quotidianità con la sua vicina, pressappoco sconosciuta, con la quale ci saranno giochi psicologici, intriganti scambi di sguardi alla ricerca della vera essenza dell’altro.

E’ un romanzo che coinvolge totalmente, si ha la possibilità di comprendere profondamente la personalità dei personaggi e dei loro sentimenti. Passionale e travolgente, questo romanzo riserva anche delle sorprese e dei colpi di scena circa il passato dei personaggi, che si rivelerà fondamentale nello sviluppo delle loro esistenze.

Un bellissimo racconto, Via dell’Arcobaleno 67 – Interno 7 di Paola Fratnik è un concentrato di emozioni e sensazioni forti, rese davvero vivide dalla scrittrice che riversa dentro questo romanzo, tutto il suo trascorso fatto di viaggi, scoperte di nuovi luoghi, contatto con persone e culture differenti tra loro, che ha arricchito il bagaglio emotivo della scrittrice che così, grazie a questo background e ad un’innata sensibilità, è riuscita a imbrigliare delle delicatissime sottigliezze nei comportamenti dei personaggi, che emozionano.

Paola Fratnik ha vissuto in Sicilia, terra calda e passionale; a Parigi, luogo di sogni e romanticismo; a San Pietroburgo, luogo freddo dove la bellezza risplende. Dopo aver vissuto in questi luoghi tanto diversi tra loro quanto meravigliosi, è tornata a Roma, città eterna dove tutto ebbe inizio e dove tutto è destinato continuasse. Paola Fratnik è una donna che nel suo carattere accomuna tanti aspetti che ne giustificano il suo percorso e i viaggi: dolce e riservata che nel momento del bisogno anche scaltra. Mai banale, è un vulcano di idee e creatività: ama annotare pensieri, spunti, riflessioni ovunque e con qualsiasi mezzo come tovagliolini, fazzolettini, il palmo della mano. Scrive, Paola è una sorgente di pensieri che prendono forma e diventano ispirazione. Curiosa, appassionata, entusiasta, Paola si interessa di arte nel senso più ampio e universale del termine, anche dove gli altri non colgono l’arte, lei nella sua mente ne proietta una bellezza che alimenta la sua vena creativa.

Sempre focalizzata sul “qui ed ora”, il suo romanzo è frutto della sua profonda connessione con il suo “sé”, che le ha suggerito la pubblicazione senza pensarci troppo su: è il segno che, ascoltando il proprio “Io” interiore, i frutti saranno meravigliosi per tutti.

[Voti: 1    Media Voto: 5/5]