Marco Ilardi è un giovane imprenditore campano che si occupa principalmente del ramo informatico, sebbene i suoi studi in Geologia lo abbiano portato dapprima a diventare  ricercatore universitario e sviluppatore software geologico presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli studi di Napoli Federico II.

Dopo essere  entrato come membro  nel  Gruppo nazionale di Geografia fisica e geomorfologia, la sua passione per la progettazione di software lo porta a dar vita nel 2015 a Micropedia, “una software house ed una web agency che opera su territorio nazionale al servizio delle piccole e medie imprese”.

Si occupa, come si legge sul sito,  di sviluppare “programmi gestionali personalizzati sulle esigenze del cliente interfacciandoci ove occorre anche con altre soluzioni, in particolare con programmi di contabilità”.

Le idee di Marco Ilardi

Nel 2021 poi Marco Ilardi crea Cinque Gusti, food magazine di cui  è direttore editoriale e food blogger. Di cosa si tratta? Di un portale dedicato al  mondo del food che offre la possibilità di pubblicizzare la propria azienda. Ma sua è anche la direzione editoriale di Napolimisteriosa e di Pozzuolimania, un portale sulla città di Pozzuoli dove Ilardi risiede attualmente.

In Napolimisteriosa affronta e sviluppa diversi temi riguardanti la sua città, come le leggende appunto, che avvolgono Napoli e la rendono una delle città più affascinanti d’Italia. Tra quelle descritte tratta La maledizione della contessa di Saponara e Il fantasma della bambina di Palazzo Spinelli.  

Ma Marco Ilardi è anche autore di diverse pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali ed internazionali di carattere geologico, e la sua più recente opera è Digital Food, il suo primo libro, nel quale l’autore si occupa della digitalizzazione del settore Horeca, ovvero tutto ciò che riguarda la ristorazione.

Il libro

In Digital Food: Come le nuove idee digitali possono portare al successo la tua attività nel settore Horeca Marco Ilardi spiega nella prefazione: “Si è attuata una radicale innovazione nel modo di pensare e di fruire di questi settori, la cui sintesi può essere espressa in pieno dalla parola digitalizzazione. L’evento digitale ha di fatto rivoluzionato la food industry in modo profondo: dai processi di produzione a quelli di distribuzione, dal marketing al ruolo dirompente dei social, fino alla personalizzazione”. 

Ma, scrive l’autore, “questo volume nasce senza alcuna pretesa di insegnare o spiegare qualcosa a qualcuno! Anzi, vuole essere semplicemente il racconto di competenze ed esperienze, acquisite in anni di lavoro a diretto contatto con le esigenze del settore”. 

Insomma, un libro che descrive come la tecnologia abbia avuto un impatto nel mondo del food e come Micropedia sia stata in grado, durante il periodo della pandemia, di sviluppare e applicare soluzioni ingegnose per il settore HORECA.  Le soluzioni e i consigli di Marco Ilardi vogliono essere di aiuto  agli addetti ai lavori per rimanere al passo con i tempi facendosi largo tra la concorrenza  e pubblicizzando il proprio lavoro.

 

 

 

 

 

[Voti: 0   Media: 0/5]