L’Amarone della Valpolicella è tra i vini più amati al Mondo che vanta una storia davvero particolare.

Il suo sapore morbido ed equilibrato conquistò Igino Accordini, ma anche tanti assaggiatori di tutto il Mondo e quest’azienda a conduzione famigliare iniziò a produrre ed esportare l’Amarone. Fu così che iniziò la storia di Accordini Amarone della Valpolicella, diventato oggi un vino DOGC che rappresenta una delle eccellenze del Nord-Est italiano.

In realtà, la leggenda vuole che l’Amarone della Valpolicella sia stato scoperto quasi per caso nel 1938 e che il suo nome si riferisca appunto al gusto molto amaro dovuto alla lunga fermentazione causata da una dimenticanza. Infatti, negli anni’40 si beveva solitamente il Recioto, un vino dolce che viene travasato presto, ma il cantiniere che lo produceva, Bertani, dimenticò questo vino lasciandolo fermentare molto a lungo. All’assaggio, il gusto era decisamente poco dolce e il cantiniere, provandolo, dichiarò che era “amarone”.

L’Amarone è tra i vini della Valpolicella più apprezzati, tanto che ogni anno vengono prodotte oltre  un milione di bottiglie e questa varietà di vino rappresenta ben l’85% della produzione locale. La richiesta di Amarone della Valpolicella è molto alta, tanto che si dice che la produzione non basta mai.

Oggi, l’Amarone, è il prodotto di punta dell’azienda Accordini che da circa due secoli si occupa della produzione vinicola della Valpolicella. L’azienda, nata inizialmente con 3 ettari, oggi si estende su circa 35 ettari di terreno ed offre una rinomata Winery dove fermarsi per ottime degustazioni.

Accordini Amarone della Valpolicella è un vino unico e, nella bottiglia, sono racchiusi gli anni di esperienza della famiglia Accordini, guidata da Igino e poi da Guido, suo figlio, e la filosofia aziendale che punta alla qualità ed alla tradizione.

“Meglio poche bottiglie di vino di qualità di un grandi quantità ma un vino con un gusto di basso valore”, è la filosofia che segue Guido Accordini.

La famiglia Accordini produce un Amarone della Valpolicella dal caratteristico colore granato intenso e dai sentori speziati che richiamano alla mente la frutta sotto spirito e la liquirizia.

Accordini amarone della vapolicella igino

Questo risultato è ottenuto grazie ad una rigorosa selezione delle uve che vengono coltivate nel modo tradizionale, con il sistema della pergola veronese che prevede un appassimento che dura circa 5 mesi. Al termine di questo processo, poi, le uve vengono trattate a caldo per due mesi per la vinificazione ed il vino ottenuto viene raffinato in tonnau per 1 anno.

Solo successivamente, dopo essere stato conservato nell’acciaio, il vino viene finalmente imbottigliato e nasce  Accordini Amarone della Valpolicella.

Accordini Amarone della Valpolicella è disponibile anche come Riserva,  con una tiratura limitata, per un vino dal sapore ancora più caratteristico ed intenso grazie all’utilizzo del cuore delle vinacce, che non vengono pestate, ma bisogna attendere che l’annata sia quella giusta.

L’Amarone Accordini è un vino molto pregiato e, oltre che con i piatti tipici della tradizione della Valpolicella, si abbina in generale con pietanze raffinate, ma dal sapore deciso. Piatti di carne e selvaggina, formaggi stagionati, ma anche risotti sono l’ideale per gustare questo vino dal sapore particolare che ha estimatori in tutto il Mondo.

Puoi scoprire gli abbinamenti migliori con Accordini Amarone della Valpolicella, oppure prenotare la tua visita all’Accordini Igino Winery, dove Guido e la moglie ti accoglieranno per un tour enogastronomico con i migliori chef stellati alla scoperta dell’Amarone e dei sapori della loro terra.

[Voti: 1   Media: 5/5]